La variazione di indirizzo all’interno del territorio comunale si verifica per cambio di via, di numero civico o di numero interno.
Ciascun componente maggiorenne della famiglia può rendere, sotto la propria responsabilità, le dichiarazioni relative alle variazioni delle posizioni anagrafiche degli altri componenti.
Nel caso in cui il trasferimento di abitazione avvenga con unificazione ad un nucleo familiare già residente, occorre che la richiesta di cambio venga sottoscritta anche da un componente maggiorenne di tale nucleo familiare.

Iter

La richiesta deve essere presentata quando si è già verificato il trasferimento al nuovo indirizzo. Occorre esibire i seguenti documenti per tutti i componenti la famiglia che cambiano abitazione:
– carta di identità o altro documento di riconoscimento
– patente di guida (se posseduta)
– targhe dei veicoli posseduti (auto, motocicli, ciclomotori, rimorchi, ecc.). Non devono essere indicate le targhe degli autobus, dei veicoli destinati al trasporto di cose di massa complessiva superiore a 6 tonnellate o a servizio di taxi o di noleggio con conducente. Per tali veicoli occorre rivolgersi all’Ufficio Provinciale della Motorizzazione.
Contestualmente al cambio di residenza, infatti, il Comune avvia la procedura per la variazione di residenza anche sui documenti di circolazione. Entro sei mesi dalla definizione della pratica, l’Ufficio Centrale della Motorizzazione Civile invia a tutti i richiedenti, gratuitamente ed a mezzo posta, uno o più tagliandi adesivi (tanti quanti sono le patenti e/o i libretti di circolazione). I tagliandi devono essere applicati sui rispettivi documenti, a cura del richiedente.
– E’ necessario comunicare l’esatto indirizzo, numero civico e interno in cui la famiglia risiede, nonché i metri quadri dell’alloggio occupato, al fine di determinare l’importo della tassa sullo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (da dichiarare su apposito modulo);
– L’Ufficio Anagrafe può verificare la veridicità delle dichiarazioni rese, tramite accertamento degli agenti di Polizia Municipale;
– Se l’accertamento è positivo (la famiglia è presente all’indirizzo dichiarato) l’Ufficio Anagrafe provvede alla variazione;
Se si tratta di scissione di nucleo familiare allo stesso indirizzo la dichiarazione deve essere resa da un componente maggiorenne del nucleo che si scinde e sono necessari i seguenti requisiti:
– alloggi distinti con ingresso indipendente, qualora esista relazione di parentela o vincolo affettivo tra i due nuclei che richiedono la scissione;
– anche stesso alloggio qualora non esista relazione di parentela o vincolo affettivo.

NORMATIVA
Legge 24/12/1954 n. 1228
D.P.R. 30/05/1989 n. 223
D.P.R. 19/04/1994 n. 575
D.P.R. 16/09/1996 n. 610

DOVE RIVOLGERSI
Ufficio Servizi Demografici c/o U.R.P. –  Ufficio Relazioni con il Pubblico
Corso Umberto I° n. 22  – 42018  San Martino in Rio (RE)
Tel:  0522/636702
Fax:  0522/636745
E-mail: urp@comune.sanmartinoinrio.re.it
P.E.C.: sanmartinoinrio@cert.provincia.re.it