Con deliberazione di Consiglio comunale n. 13 del 24 febbraio 2005, è stata istituita anche nel Comune di San Martino in Rio, a far data 1 gennaio 2005, l’addizionale comunale sull’I.R.P.E.F.

Brevi cenni normativi:
Tale possibilità è stata attribuita dal D.Lgs. n. 360 del 28 settembre 1998 n. 360, istitutivo dell’addizionale comunale I.R.P.E.F., che ne permetteva l’istituzione già dal  1 gennaio 1999.
Ai sensi del sopracitato Decreto Legislativo, i Comuni possono stabilire un’aliquota variabile, detta “aliquota opzionale” da applicare all’I.R.P.E.F., da deliberarsi entro il 31 dicembre e da applicare sui redditi dell’anno successivo (in virtù del  comma 8 dell’art. 27 della Legge 28 dicembre 2001 n. 448, il termine per deliberare le aliquote e le tariffe dei tributi, locali, compresa l’aliquota dell’addizionale comunale all’I.R.P.E.F., è fissato entro la data stabilita da norme statali per deliberazione del bilancio di previsione).

Questo Comune, avvalendosi di quanto stabilito dalla Legge n. 296 del 27 dicembre 2006 (legge finanziaria per l’anno 2007), ha ritenuto necessario aumentare, al fine di mantenere gli equilibri complessivi del bilancio di previsione,  l’addizionale comunale dell’imposta sul reddito delle persone fisiche applicando le seguenti percentuali:

0,1% (zerovirgolauno) per gli anni 2005 e 2006;

0,2% (zerovirgoladue) per l’anno 2007;

0,35% (zerovirgolatrentacinque) dall’anno 2008 all’anno 2014.

Esenzioni:
Sono esenti i contribuenti con reddito imponibile, ai fini dell’addizionale comunale I.R.P.E.F., non superiore a 15.000,00 euro. Tale importo non è da considerarsi come franchigia, ma il limite oltre il quale l’esenzione non può essere applicata. Delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 13 febbraio 2008.

***********

A partire dall’esercizio finanziario 2015 sono state introdotte le seguenti aliquote differenziate dell’addizionale comunale all’imposta sul reddito delle persone fisiche secondo criteri di progressività utilizzando gli stessi scaglioni di reddito stabiliti, ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche:

Scaglioni reddito     Aliquota   
  fino a 15.000 euro     0,32%
  oltre 15.000 e fino a 28.000 euro     0,34%
  oltre 28.000 e fino a 55.000 euro     0,49%
  oltre 55.000 e fino a 75.000 euro     0,55%
  oltre 75.000 euro     0,58%

 

Inoltre è stata confermata una soglia di esenzione a favore dei contribuenti con reddito imponibile, ai fini dell’addizionale comunale IRPEF, fino a 15.000 euro, al di sotto della quale l’addizionale non è dovuta, mentre per i redditi superiori l’addizionale è dovuta sul reddito complessivo.

Delibere:
Addizionale comunale per l’imposta sul reddito delle persone fisiche. Determinazione delle aliquote per l’esercizio 2018. Conferma del regolamento.
Addizionale comunale per l’imposta sul reddito delle persone fisiche. Determinazione delle aliquote per l’esercizio 2017. Conferma del regolamento.
Addizionale comunale per l’imposta sul reddito delle persone fisiche. Determinazione delle aliquote per l’esercizio 2016. Conferma del regolamento.
Addizionale comunale per l’imposta sul reddito delle persone fisiche. Determinazione delle aliquote per l’esercizio 2015. modifica al regolamento.