Nato nel 1968 come mostra temporanea, il museo è il risultato di una esperienza maturata dopo anni di ricerca promossa e condotta da Enzo Carretti che, insieme a un gruppo di appassionati, ha raccolto e preservato una grande quantità di testimonianze materiali, orali e documentarie del mondo contadino locale.  Divenuto di proprietà comunale, è rimasto allestito al piano superiore della Rocca Estense fino al 1983, anno in cui se ne rese necessaria la chiusura per l’inizio dei lavori di restauro dell’edificio.

E’ stato riaperto il 21 Maggio 1994, dopo una riorganizzazione completa, assumendo il nome di Museo dell’Agricoltura e del Mondo Rurale, con progetto e allestimento a cura di Mario Turci (antropologo-museologo).

 

Il museo raccoglie, conserva, studia e valorizza le testimonianze umane e l’ esperienza di vita contadina e artigiana della media e alta pianura a est di Reggio Emilia, quale era fino all’inizio del  XX secolo, prima della meccanizzazione agricola.

 

Oltre alla mostra mette a disposizione dell’utenza le seguenti strutture e servizi: Archivio -Biblioteca – Fototeca – Fonoteca – Videoteca.

Modalità di fruizione

Il percorso espositivo

Modalità di fruizione

 

pieghevole del museo

attividà e percorsi didattici

la Rocca Grande di San Martino in Rio

attività didattiche per scuola infanzia

attività didattiche per scuola primaria

attività didattiche per scuola secondaria di primo grado